Autorizzo al trattamento
Nuovi servizi di assistenza
Menu principale
I nostri marchi

Nuvola scientifica aperta europea: Horizon 2020 - 21.04.2016

- Segue da 20.04.2016 Economia digitale  


Perché la rivoluzione sia possibile occorrono però le infrastrutture. Se non ci si può connettere a internet, avere una nuvola con dati immagazzinati diventa inutile. La Commissione europea ha presentato quindi il piano d’azione per informatizzare l’economia comune. Almeno tre le aree principali di investimento: banda larga di nuova generazione per connessione ultra-veloce e telefonia mobile di nuova generazione, sistemi di sicurezza che evitino virus o attacchi informatici (cybersecurity), digitalizzazione dei servizi offerti dalla Pubblica amministrazione (e-government). L’eccesso di burocrazia è uno dei talloni d’Achille storici dell’Europa, che ora intende intervenire eliminando lunghe attese agli sportelli e agli uffici permettendo di spostare tutte le procedure su internet e fare tutto al computer. La Commissione lavorerà sugli aspetti legislativi ed economici per garantire che gli Stati membri e le imprese possano rendere possibile la transizione verso un’economia sempre più digitale.


Finanziamento  - La Commissione europea stima che la strategia appena presentata costi 56,7 miliardi di euro in cinque anni (6,7 miliardi per la nuvola europea e 50 miliardi per tutto il resto). Tanto bisognerà spendere, ma se si sarà in grado di farlo alla fine l’industria Ue avrà benefici stimati in 110 miliardi di euro l’anno. In cinque anni si avranno benefici per oltre mezzo triliardo di euro. Cifre da capogiro. La formula di finanziamento della strategia europea è la stessa usata dalla Commissione europea per il piano Juncker per gli investimenti: una combinazione di capitale pubblico e privato, con il primo usato per reperire il secondo sul mercato attraverso quello che è definito l’effetto leva. Per la «nuvola scientifica aperta europea» arriveranno 2 miliardi dal programma di ricerca europeo Horizon 2020, con cui si stima verranno raccolto gli altri 4,7 miliardi necessari per realizzarla. Per gli investimenti in internet, telecomunicazione di nuova generazione (5G), sicurezza informatica si chiede agli Stati membri di garantire complessivamente 15 miliardi di risorse pubbliche in cinque anni, per tre miliardi l’anno (circa 107,1 milioni di euro a Paese), per mobilitarne 22 dai privati. L’Ue darà 4 miliardi attraverso Horizon2020. Ancora, 500 milioni di fondi comunitari andranno per gli «hub dell’innovazione digitale» (università o istituti di ricerca), i centri che offrono sostegno a imprese e mondo scientifico dati. Qui l’effetto leva stimato è di 5 miliardi.  


Bisogna fare in fretta - «L’Europa ha una base industriale molto competitiva ed è leader in settori importanti, ma questo ruolo trainante potrà essere mantenuto solo con una digitalizzazione che si di successo e rapida», ha messo in guardia il commissario europeo e per l’Economia digitale, Gunther Oettinger. «L’ambizione della nostra iniziativa è quella di permettere all’Ue di essere tra i primi tre poli di mondo per efficienza e competitività entro il 2020». Quello di oggi non è che il primo passo. La Commissione intende presentare altre 16 iniziative entro la fine dell’anno.

21.04.2016 |
20.04.2016 |
04.04.2016 |
03.04.2016 |
02.04.2016 |
20.03.2016 |
14.03.2016 |
17.03.2016 |
07.03.2016 |
25.02.2016 |

Richiedi informazioni
*Nome e cognome:

*Email:

Telefono:

Antispam (2845):

Richiesta:



Acconsento
Non Acconsento
Ultime news
21.04.2016
- segue da 20.04.2016 economia digitale   perché la rivoluzione sia possibile occorrono però le infrastrutture. se non ci si pu&o...

20.04.2016
emanuele bonini - bruxelles  per rilanciarsi l’europa sogna il digitale. vuol dire, detto in sintesi, «più informatica e co...

04.04.2016
la prima mappa dell'umanità (non connessa) - 3 dal blog di jaime d'alessandro - repubblica.it la prima rappresentazione dell’umanit&ag...


HOME | NEWS | OFFERTA DEL MESE | CATALOGO | ASSISTENZA | TELEASSISTENZA | EVENTI | STORIA | MAPPA | REGISTRAZIONE

Rizzoli & C. S.r.l. - Via G. Donati,27 - 41012 Carpi (MO) Tel. 059.685810 Fax 059.650715 rizzoli@rizzoli-tech.it -
P.IVA 01616990360 - Reg. Imp. MO 01616990360 - R.E.A. 229979 - Cap. Sociale EURO 40.000,00 I.V.
Cookie policy


RIZZOLI e C0. assistenza informatica, assistenza pc, fornitore di Olivetti, Ricoh, Ibm, Kyocera, Microsoft, Synology, Asus, Sony, Samsung, Kartha a Carpi, Modena, Reggio Emilia, Bologna. Fotocopiatori colore colore, multifunzione, stampanti colore, server, archiviazione documentale, assistenza informatica, sistemi integrati, smaltimento toner esausti, computer, pc, sempre con un occhio di riguardo per il risparmio energetico.